Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vul esse molestie consequat vel illum veridolore eu fer feugiat eorum claritatem nulla...
Hirtenstraße 19, 10178 Berlin, Germany +49 30 24041420
support@select-themes.com
Links
Follow Us

La nostra storia

A causa di limiti geografici, fisici e climatici la Valle d’Aosta si presenta da sempre come un territorio “aspro”, ostico per i produttori di vino che, proprio per questo motivo, non conseguono come obiettivo primario la quantità, bensì la qualità. L’Azienda agricola Rosset Terroir da sempre scommette su questo aspetto, investendo con convinzione sul territorio.

La storia dell’azienda inizia nel 2001, quando la famiglia Rosset decide di coltivare a vigna i terreni di proprietà in località Senin di Saint-Christophe. Il primo appezzamento coltivato è di circa tre ettari e vede come prima messa a dimora le barbatelle internazionali di Chardonnay, seguite da Syrah e dall’autoctono Cornalin. Nell’ampliamento della gamma è stato impiantato il Petit Rouge, un vitigno autoctono selezionato con attenzione da Matteo Moretto, agronomo ed enologo dell’azienda.

Negli ultimi anni l’azienda ha investito nella zona vocata di Chambave (con due ettari vitati di Moscato Bianco) dove nasce il Chambave Muscat Vallée d’Aoste DOP, e nella zona di Villeneuve dove a oltre 900 metri di altitudine, nei luoghi che meglio rappresentano il concetto di “viticoltura eroica”, vengono coltivati Petite Arvine e Pinot Gris.

Questa piccola realtà privata, strettamente legata al territorio valdostano, in pochi anni ha saputo distinguersi e ritagliarsi uno spazio importante nell’ambito vitivinicolo, portando la Valle d’Aosta sui più importanti palcoscenici internazionali.

L’ottenimento di numerosi riconoscimenti internazionali ha permesso a Rosset Terroir di aggiungere nuovi tasselli e nuove medaglie alla sua pur giovane storia: nel 2019 l’azienda è stata selezionata insieme ad altre 20 in tutta Italia – una per regione – per il premio Tastevin AIS. Il giudizio dei degustatori non lascia dubbi: “Vini che hanno contribuito a imprimere una svolta produttiva al territorio di origine, che rappresentano modelli di riferimento di indiscusso valore nella rispettiva zona, o che hanno strappato all’oblio e riportato all’attenzione del settore vitigni dimenticati”.

Oltre alle vigne, da cui vengono prodotte circa 50000 bottiglie all’anno, da sempre Rosset Terroir coltiva prodotti agricoli come il Rubus idaeus (Lampone), l’Artemisia umbelliformis (Génépy) e il prezioso Crocus sativus (Zafferano), fondamentali ingredienti che impreziosiscono gli Spirits della produzione aziendale targata Distillerie Levi-St.Roch-OTTOZ.